Il nuovo Piano Regionale dei Trasporti

L’adozione del Piano avvia una nuova stagione della pianificazione regionale in grado di rispondere alle dinamiche complesse e in profonda evoluzione della mobilità delle persone e delle merci.

Il nuovo Piano è un “piano-processo”, ovvero uno strumento snello e dinamico, che a partire da una visione di intervento condivisa, indica obiettivi e strategie per uno sviluppo sostenibile della mobilità e del territorio.

Le proposte in esso contenute fanno riferimento non solo alle scelte infrastrutturali necessarie, ma anche ad un insieme di politiche della mobilità, di proposte sullo sviluppo del territorio veneto, di strumenti di regolazione dei mercati e di incentivi per le aziende di trasporto e logistica, di norme sulla pianificazione e sulla organizzazione della Regione.

 

Il percorso di approvazione del Piano

La Giunta regionale ha avviato l’iter di elaborazione del Piano nel luglio 2018 con le Deliberazione n. 997 del 6 luglio 2018.

Il documento di Piano, così come previsto dalla Legge Regionale 25/1998, è stato adottato dalla Giunta Regionale il 24 settembre 2019.

L’adozione del Piano è stata preceduta da una fase di consultazione pubblica, che ha consentito di raccogliere osservazione e proposte migliorative da parte delle amministrazioni e dai rappresentanti degli interessi locali.

Con l’adozione del Piano si apre una nuova fase partecipativa (Valutazione Ambientale Strategica) in cui, tutti gli interessati, potranno inviare osservazioni al Piano stesso e ai documenti ambientali ad esso correlati.

Le osservazioni raccolte, una volta valutate dagli estensori del Piano, potranno portare ad ulteriori integrazioni dei diversi documenti.

Terminata questa fase, il Piano sarà discusso dal Consiglio Regionale, ed una volta approvato, diventerà operativo.